Musée d'Orsay: Corrispondenze Museo d'Orsay / Arte contemporanea

Corrispondenze Museo d'Orsay / Arte contemporanea

Georges Seurat / Claude Rutault

pittura
Georges SeuratPaesaggio con "Il povero pescatore" di Puvis de Chavannes© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / Hervé Lewandowski
Artista francese nato nel 1941, Claude Rutault non ha smesso dalla sua prima definizione/metodo messo a punto nel 1973 di "cercare di rendere visibile la pittura". Con la volontà di spingersi sempre più lontano nelle sue riflessioni sulla pittura, eliminando con sistematicità il ricorso allo spettacolare, egli sviluppa da allora le sue definizioni/metodi, il cui principio, invariabile, è il seguente : "una tela fissata sopra un telaio dipinta con lo stesso colore della parete sulla quale è appesa. Sono utilizzabili tutti i formati standard disponibili in commercio, siano essi rettangolari, quadrati, rotondi o ovali. La disposizione è tradizionale".

Il principio può assomigliare ad una modalità d'uso, una sorta di manuale per l'utilizzazione dell'opera – e del suo allestimento – ad uso del collezionista, del commissario della mostra, del conservatore e del gallerista. In questo modo, le definizioni/metodi illustrano le condizioni di realizzazione dell'opera e soprattutto le modalità di evoluzione di quest'ultima. L'artista inquadra volontariamente un cambiamento intrinseco delle opere che concepisce nell'ottica di appropriazione/modifica imprevedibile ed aleatoria nel momento stesso del punto di partenza del processo creativo. Di fronte e con Seurat, all'unisono con Puvis de Chavannes, Rutault propone qui di riportare in auge questo principio di definizione/maniera, ponendo di nuovo la questione dell'omaggio ai maestri della storia dell'arte.

"La mia ammirazione per il percorso di Seurat è subito diventata prioritaria [...] e tanto più necessaria poiché essa mette in gioco due opere molto diverse del museo. Si tratta semplicemente, in questa presentazione, di un lavoro di pittore e non di storico. Oggi mi limito a presentare i due quadri e la loro articolazione per mezzo della mia stessa pittura, nella mia preoccupazione primaria di sconfinamento del quadro, dell'oggetto finito" (da un'intervista con Françoise Ducros, aprile 2007)

Commissario generale

Serge Lemoine, Presidente del museo d'Orsay, con la partecipazione di Olivier Gabet, conservatore del museo d'Orsay.

19 giugno - 9 settembre 2007
Museo d'Orsay

Accesso con il biglietto museo


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube