Musée d'Orsay: Soutine / De Kooning

Soutine / De Kooning

Chaïm SoutineIl paese© RMN-Grand Palais (musée de l'Orangerie) / Hervé Lewandowski
"SONO SEMPRE STATO PAZZO DI SOUTINE - TUTTI I SUOI DIPINTI"
W. de Kooning

Il Museo dell’Orangerie presenta una mostra che fa dialogare le opere di Chaïm Soutine (1893–1943), pittore della Scuola di Parigi di origine russa (attuale Bielorussia) e quelle di Willem de Kooning (1904-1997), espressionista astratto americano di origine olandese. Nello specifico, la mostra esplorerà l’impatto della pittura di Soutine sulla visione pittorica del grande artista americano..

Soutine ha difatti segnato la generazione dei pittori del dopoguerra, sia attraverso la forza espressiva del suo pennello che per la sua figura di "artista maledetto" alle prese con le vicissitudini e gli eccessi della bohème parigina. La sua opera è stata particolarmente esposta negli Stati Uniti tra gli anni ’30 e ’50 del secolo scorso, allorché l’artista figurativo di tradizione europea viene riletto alla luce delle nuove teorie artistiche. La pittura gestuale e l’impasto pronunciato delle tele di Soutine portano critici e curatori a proclamarlo "profeta", araldo dell’espressionismo astratto americano..

È proprio all’inizio degli anni ’50 che Willem de Kooning intraprende il progetto pittorico di Woman, una serie di tele in cui si definisce un espressionismo singolare, a metà tra figurazione e astrazione. L’elaborazione di questo nuovo linguaggio corrisponde al momento in cui il pittore convoca l’universo artistico di Chaïm Soutine e vi si confronta. De Kooning scopre i quadri del suo predecessore già negli anni ’30, quindi alla retrospettiva che consacra il pittore al Museum of Modern Art di New York nel 1950. Rimarrà in seguito particolarmente colpito dalla presentazione delle tele di Soutine nelle collezioni della Barnes Foundation di Filadelfia, dove si reca insieme alla moglie Elaine nel giugno 1952.

Meglio di qualunque altro artista della sua generazione, De Kooning ha saputo cogliere la tensione tra i due poli apparentemente opposti dell’opera di Soutine: una ricerca di struttura unita a un appassionato rapporto con la storia dell’arte, e una spiccata tendenza informale. L’opera di Soutine diviene allora un punto di riferimento permanente per l’artista americano. De Kooning, che cerca di svincolare la propria pittura dall’antagonismo arte figurativa / arte astratta inaugurando una 'terza via' originale, trova nell’arte di Soutine una legittimazione della propria pratica.

La mostra farà dialogare gli universi peculiari di questi due artisti mediante una cinquantina di opere che vertono su alcune tematiche fondamentali: la tensione tra figura e informe, la pittura della "carne" o fleshiness, la pratica pittorica "gestuale" dei due artisti.

Questi momenti tematici saranno intercalati da inquadrature storiche, attraverso l’evocazione della retrospettiva di Soutine al MoMA nel 1950 e della visita di De Kooning alla Barnes Foundation nel 1952.

Questa iniziativa, la prima sull’argomento, rientra nel programma di mostre temporanee che il Museo dell’Orangerie organizza a partire dalle proprie collezioni, in particolare da quella di Paul Guillaume. Essa segue Apollinaire. Lo sguardo del poeta (2016), Dada Africa, origini e influenze extra-occidentali (2017), Giorgio de Chirico. La pittura metafisica (2020) e riprende la questione della ricezione da parte del pubblico americano già trattata in Ninfee. L’astrazionismo americano e l’ultimo Monet (2018).

Curatori

Claire Bernardi, conservatrice al Museo d'Orsay
Simonetta Fraquelli, curatrice alla Barnes Foundation
La mostra è organizzata insieme alla Barnes Foundation di Filadelfia, che possiede un cospicuo numero di opere di Soutine riunite da Albert Barnes su consiglio di Paul Guillaume, iniziatore della collezione del Museo dell’Orangerie.

Con il sostegno della De Kooning Foundation, New York e di Wilhelm & Associés.

Mostra esposta alla Barnes Foundation di Filadelfia dal 7 marzo al 6 giugno 2021.

Tutti mecenati. Aziende e privati, sostenete questa mostra con un clic.

15 settembre 2021 - 10 gennaio 2022

Paris, musée de l'Orangerie


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube