Musée d'Orsay: Henri de Toulouse-Lautrec. Risolutamente moderno

Henri de Toulouse-Lautrec. Risolutamente moderno

Henri de Toulouse-Lautrec (1864-1901) 
 Panneau pour la baraque de la Goulue, à la Foire du Trône à Paris
 [Pannello per la baracca della Goulue alla Foire du Trône di Parigi] 
 1895
 Olio su tela
 Cm 298 x 316
 Parigi, museo d'Orsay
Henri de Toulouse-LautrecPannello per la baracca della Goulue alla Foire du Trône di Parigi© RMN-Grand Palais (Musée d'Orsay) / DR
Dal 1992, data dell’ultima retrospettiva dedicata all’artista in Francia, svariate mostre hanno cercato di reiscrivere l’opera di Toulouse-Lautrec (1864-1901) nella "cultura di Montmartre". A forza di privilegiare il peso del contesto o il folclore del Moulin Rouge, si è persa di vista l'ambizione estetica, poetica e perfino politica di Lautrec.

Come attesta la sua corrispondenza, Manet, Degas e Forain, a partire da metà degli anni ‘80 del XIX secolo, gli hanno permesso di trasformare il suo potente naturalismo in uno stile più incisivo e caustico. Su entrambi i versanti della sua breve carriera si osservano vere continuità. Una di queste è la componente narrativa, da cui Lautrec si separò meno di quanto si possa credere. È particolarmente attiva all'approssimarsi della morte, intorno al 1900, quando la sua vocazione di pittore storico assume una forma esasperata.

L’altra dimensione dell’opera che è opportuno ricollegare al suo apprendistato è il desiderio di rappresentare il tempo e di dispiegarne la durata, più che fissarne il movimento. Che si tratti di Princeteau, il suo maestro di pittura ippica, di Cormon, pittore energico per eccellenza, o di Degas, che lo spinge a ricercare il dinamismo al di là della danza, Lautrec non smetterà mai di riformulare lo spazio-tempo dell’immagine. L’artista è riuscito a conciliare la frammentazione soggettiva dell’immagine e la volontà di elevare la vita moderna verso nuovi miti.

La mostra trova quindi il suo percorso tra pittura, letteratura e nuovi media, avvicinandosi a questo artista che ha involontariamente contribuito alla nascita del XX secolo.

Commissari

Stéphane Guégan, consulente scientifico presso la Presidenza dei musei d'Orsay e dell'Orangerie
Danièle Devynck, direttrice del museo Toulouse-Lautrec di Albi


Questa mostra è organizzata dalla Réunion des musées nationaux e dall’Établissement public des musées d'Orsay et de l'Orangerie, in collaborazione con il museo Toulouse-Lautrec di Albi.

9 ottobre 2019 - 27 gennaio 2020

Parigi, Gallerie nazionali del Grand Palais


Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube