Musée d'Orsay: Gustave Le Gray fotografo (1820-1882)

Gustave Le Gray fotografo (1820-1882)

ARCHIVIO
1988

fotografia
Gustave Le GrayBrigantino (Brigantino al chiaro di luna)© Musée d'Orsay, dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Gustave Le Gray fu uno dei capi scuola della fotografia francese delle origini (tra il 1847 e il 1860) considerata ai nostri giorni come un'"età dell'oro". La grande forza di questo tecnico senza pari si fonda soprattutto sul lirismo talvolta metafisico con il quale egli ha saputo riprodurre la natura, nei suoi maestosi paesaggi marini, i suoi studi del cielo oppure le sue vedute della foresta di Fontainebleau.
Un lirismo che troviamo anche in certe inchieste storiche, come quella sulle barricate e sulle distruzioni di Palermo nel 1860 in epoca risorgimentale. Sin dagli esordi, i più grandi fotografi hanno saputo imporsi come dei visionari e dei poeti.
Questa mostra, la prima grande manifestazione dedicata all'artista, è stata organizzata dall'Art Institute di Chicago, ed è stata arricchita dalla presenza di opere provenienti dalle collezioni francesi.

Commissario della mostra

Françoise Heilbrun, conservatrice capo presso il museo d'Orsay

7 giugno - 14 agosto 1988
Museo d'Orsay

Aumentare la fonte Diminuire la fonte Inviare ad un amico Stampare

Facebook
TwitterInstagramYouTube