Maison de la Belle Jardinière, nouveau magasin, élévation de la façade sur la rue Tire-Chape

Henri Blondel
Maison de la Belle Jardinière, nouveau magasin, élévation de la façade sur la rue Tire-Chape
Vers 1866
tirage
H. 74,5 ; L. 107,0 cm.
© RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski
Henri Blondel (1821 - 1897)

Aperto nel 1824 sull'île de la Cité, La Belle Jardinière è il primo grande magazzino parigino che riunisce in un unico spazio i punti di vendita, i laboratori di confezione e gli alloggi dei dipendenti. Una simile organizzazione faceva sì che i negozi con questo marchio potessero vendere abiti "prêt-à-porter" ad una categoria di clienti poco abbienti. Nel 1864, l'area occupata da questo grande magazzino parigino viene espropriata dal Comune per lasciare posto alla costruzione del nuovo ospedale parigino Hôtel-Dieu. Nel 1866, La Belle Jardinière riapre sull'altra riva della Senna, vicino al Pont Neuf, sul quai de la Mégisserie.
Per la costruzione del nuovo edificio, la famiglia Parissot si rivolge a Henri Blondel, architetto che ha al suo attivo un gran numero di progetti tra i quali, spiccano, i quartieri dell'Opéra e del boulevard Saint-Germain. La costruzione del grande magazzino La Belle Jardinière inizia il 29 maggio 1866 e si conclude nel dicembre del 1867, dopo che un'inaugurazione parziale dei punti di vendita ha avuto luogo nel mese di aprile.
Sin dal 1876, però, si rendono necessari lavori d'ampliamento dei locali che vengono eseguiti nel 1878. La data di realizzazione di questo alzato della facciata, pertanto, può risalire ad un periodo antecedente al 1878. Il numero di arcate, infatti, è inferiore a quello riscontrato su una litografia raffigurante lo stato definitivo e attuale dell'immobile. Possiamo dunque affermare che questo è sicuramente un disegno preparatorio di Blondel o eseguito da qualche suo allievo, realizzato tra il 1864 e il 1866.
L'idea generale è quella di creare una navata centrale illuminata da una vetrata intorno alla quale sono disposte le gallerie dei piani. Dopo il 1878, l'interno sarà costituito da due navate centrali contigue e la facciata risulterà notevolmente modificata.
L'insegna della Belle Jardinière è scomparsa negli anni settanta del XX secolo. L'edificio, però, esiste tuttora e ha mantenuto la sua vocazione commerciale. Esso attualmente ospita molti magazzini della grande distribuzione.

Artwork not currently exhibited in the museum