Chaise

/
Adolf Loos
Chaise
vers 1898
hêtre courbé, teinté et verni, cannage
H. 87,0 ; L. 42,5 ; P. 51,0 cm.
Achat, 1981
© Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Adolf Loos
Chaise
vers 1898
hêtre courbé, teinté et verni, cannage
H. 87,0 ; L. 42,5 ; P. 51,0 cm.
Achat, 1981
© Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Adolf Loos
Chaise
vers 1898
hêtre courbé, teinté et verni, cannage
H. 87,0 ; L. 42,5 ; P. 51,0 cm.
Achat, 1981
© RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Konstantinos Ignatiadis
Adolf Loos (1870 - 1933)
Niveau médian, Pavillon amont niveau 4

Prima che i mobili realizzati in legno piegato a vapore, inventati da Michael Thonet e diffusi in modo massiccio ottengano la loro consacrazione ufficiale, occorrerà attendere una cinquantina d'anni. All'alba del XX secolo, sono proprio i grandi architetti viennesi a conferire una nuova funzionalità a questo mobili che, da molti anni, hanno dimostrato la loro validità. Il mobile in legno piegato, infatti, si inscrive idealmente nel programma dell'arte utilitaria che questi architetti difendono.
Adolf Loos, è il primo ad optare per questo mobile pratico ed economico quando realizza a Vienna il Café Museum, la cui disposizione interna è di una semplicità esemplare. Per quanto riguarda le sedie, Loos perfeziona la popolare sedia da bistrot messa a punto da Thonet a partire dal 1849. I tavoli che si abbinano a questo tipo di sedia, corrispondono ad un modello comune venduto tramite catalogo da Kohn, il principale concorrente di Thonet.
Il Café museum esiste ancora oggi e questo modello di sedia è sempre utilizzato.

Notizie sulla collezione