Le Corsage à carreaux

Pierre Bonnard
Le Corsage à carreaux
en 1892
huile sur toile
H. 61,0 ; L. 33,0 cm.
© Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Pierre Bonnard (1867 - 1947)
Niveau médian, Salle 71

Questa tela è stata dipinta da Pierre Bonnard nel 1892. All'epoca, l'artista che era agli esordi della sua carriera, scopre l'arte giapponese grazie a due mostre svoltesi a Parigi, la prima, nel 1888, presso la galleria del mercante d'arte Siegfried Bing, meglio noto con il nome di Samuel, l'altra, due anni dopo, presso la Scuola nazionale delle Belle-Arti. Pierre Bonnard resta profondamente colpito da questo tipo d'arte al punto che, all'interno del gruppo dei Nabis viene soprannominato "il nabi molto giapponese".
La donna che ha posato come modella per La Camicetta a quadri è Andrée Terrasse (1872-1923), sorella dell'artista e moglie del compositore Claude Terrasse.
Quest'opera dall'aspetto oblungo, deve il suo formato all'influsso dei kakemonos, pitture su seta o su carta, sospese verticalmente, la cui altezza è, come in questo caso, praticamente il doppio della larghezza. Bonnard trae altresì ispirazione dalla collocazione che le figure assumono negli Ukiyo-é, tipiche stampe giapponesi nelle quali i personaggi sono spesso tagliati dalla cornice e che ignorano la simmetria presente, invece, nelle opere occidentali. Bonnard, in questo caso, sceglie angoli insoliti e moltiplica i punti di vista: il tavolo viene raffigurato dall'alto, esso si trova sullo stesso piano del personaggio raffigurato che viene visto dal basso. Bonnard riesce a suggerire l'idea di volume senza fare ricorso né alla prospettiva tradizionale, né al modellato. Gli arabeschi che suggeriscono l'anatomia, creano l'illusione della forma per mezzo del disegno.