Marguerite Khnopff, soeur de l'artiste, étude pour "Le Secret" de 1902

Fernand Khnopff
Marguerite Khnopff, soeur de l'artiste, étude pour Le Secret" de 1902"
Vers 1901
aristotype (épreuve au citrate) à partir d'un négatif verre
H. 15,5 ; L. 11,0 cm.
© Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Fernand Khnopff (1858 - 1921)
Artwork not currently exhibited in the museum

Per tutta la vita, il pittore simbolista belga Fernand Khnopff dissimula accuratamente il ruolo che la fotografia esercita nell'elaborazione di alcuni suoi quadri. Nel 1916, Khnopff tiene perfino una conferenza all'Accademia delle Belle-Arti per confutare le pretese artistiche della fotografia. Tuttavia, dopo la scomparsa dell'artista, scopriamo che lo stesso Khnopff è autore di una quarantina di scatti di Marguerite, sua sorella e modella preferita. In questi scatti la donna assume pose ieratiche nell'ambito di allestimenti ai quali le scene e i costumi, riferimenti puramente allusivi all'Antichità e all'Oriente, conferiscono un'inafferrabile sensazione di distanza.
Tutto il mondo interiore di Khnopff prende corpo in questi negativi che l'artista utilizza successivamente per l'elaborazione di pitture e disegni. Le fotografie di Khnopff sono già impregnate del mistero e dell'intensità che risiedono nelle sue opere definitive. Khnopff, di solito, deve solo riprodurre, a pastello o a olio, il soggetto fotografato, come nel caso di Il segreto (Bruges, Groeningemuseum).
Mettendo l'accento su ciò che la fotografia può avere di teatrale, Khnopff diventa l'erede di fotografi più o meno vicini ai preraffaelliti, tra cui Julia Margaret Cameron, Lewis Carroll e Lady Hardawen. Questa tendenza acquista importanza nel XX secolo, soprattutto negli artisti concettuali che fotografano le loro "imprese".