Route de village, Auvers

Paul Cézanne
Route de village, Auvers
entre 1872 et 1873
huile sur toile
H. 46,0 ; L. 55,3 cm.
Donation Max et Rosy Kaganovitch, 1973
© RMN-Grand Palais (Musée d’Orsay) / Hervé Lewandowski
Paul Cézanne (1839 - 1906)

Tra il 1872-1874, Cézanne si stabilisce per lavoro a Pointoise assieme a Pissarro. A contatto di quest'ultimo, Cézanne si ravvicina poco alla volta allo stile impressionista eseguendo paesaggi en plein air, ma mantenendo sempre una composizione più elaborata, un aspetto più severo. I colori utilizzati da Cézanne in questa tela dipinta intorno al 1872-1873, caratterizzata da un impasto denso e da tonalità spente, sono ancora piuttosto scuri ma, tuttavia, appaiono già meno discordanti rispetto alla fase "barocca" del pittore.
L'influsso di Pissarro è altresì riconoscibile nella scelta del soggetto. Difatti, come il suo amico, Cézanne dipinge molte tele raffiguranti strade di villaggio costeggiate da abitazioni contadine. Tuttavia, se i paesaggi di Pissarro abbondano di personaggi e di movimento, in quelli di Cézanne non si vedono abitanti, né camini fumanti, né la benché minima traccia di un qualsivoglia tipo d'attività. Le case appaiono come disabitate, inaccessibili e la strada che si restringe prima di scomparire improvvisamente dietro un muro non sembra condurre in nessun luogo. Con ogni probabilità, questa veduta desertica dalle linee accidentate, ben lungi dalla serenità dei futuri paesaggi provenzali di Cézanne, traduce gli interrogativi di un pittore ancora alla ricerca della propria strada.

Artwork not currently exhibited in the museum
Notizie sulla collezione