Sunday night on 40th Street

Edward Steichen
Sunday night on 40th Street
1950
épreuve argentique
H. 42,2 ; L. 34,6 cm.
Achat en vente publique, 2003
© The estate of Edward Steichen / Adagp, Paris, 2023 © Musée d’Orsay, Dist. RMN-Grand Palais / Patrice Schmidt
Edward Steichen (1879 - 1973)
Artwork not currently exhibited in the museum

Agli esordi del XX secolo, Edward Steichen fa parte del gruppo Photo-Secession, creato da Alfred Stieglitz nel 1902 per promuovere il pittorialismo negli Stati Uniti. Per i suoi ritratti, i suoi paesaggi o i suoi nudi, Steichen crea impaginazioni magistrali e realizza notevoli stampe alla gomma bicromata.
Durante la guerra del 1914, presta servizio nell'aviazione in qualità di cineoperatore dei servizi segreti gli Alleati. Questa esperienza lo spinge a modificare il suo modo di fotografare. La sua visione diventa precisa, netta, molto distante dalla sfocatura dei pittorialisti e rappresentativa della modernità. Egli è in buona compagnia. Nello stesso periodo, infatti, altri esponenti della Photo-Secession si orientano verso la straight photography (fotografia pura), in particolare Alfred Stieglitz e Paul Strand.
Una volta tornato dal fronte, Steichen realizza fotografie di moda e ritratti rimasti celebri di attrici o di attori. Stanco di questa attività che giudica ripetitiva, si interessa all'architettura newyorkese contemporanea.
In questa visione notturna scattata dalla sua bottega, Steichen si rifà con i chiaroscuri e la verticalità delle sue celebri rappresentazioni al Balzac di Rodin. Possiamo anche pensare alle fotografie scattate da Stieglitz dalla finestra dell'Hotel Shelton, sin dal 1927. In Stieglitz, c'è tuttavia una volontà di render conto delle trasformazioni del suo quartiere, il che non si riscontra in Steichen. Quest'ultimo si mostra semplicemente ansioso di creare immagini forti a partire dei profili ortogonali, scarni, in poche parole risolutamente moderni, che gli offrono i grattacieli.

Notizie sulla collezione